Floriani Squarciapino Maria Sculture Del Foro Severiano di Leptis Magna

(Arte) Leptis Magna, un rêve de Rome en Afrique (2012)  Video

Posted by Morocco at May 8, 2012
(Arte) Leptis Magna, un rêve de Rome en Afrique (2012)

(Arte) Leptis Magna, un rêve de Rome en Afrique (2012)
TNT-Rip by Clo2 | French | 52min | 640 x 368 | 25.000 fps | Avi | MPEG-4 XviD @ 894 Kbps | MP3 @ 112 Kbps | 380 MB
Genre : Documentaire

Vitrine de la puissance romaine en Afrique et symbole des ambitions coloniales de Mussolini, le port libyen de Leptis Magna est aujourd'hui étudié par des archéologues du monde entier.

Bernardo Nante - Guida alla lettura del «Libro rosso» di C. G. Jung  eBooks & eLearning

Posted by Karabas91 at May 20, 2017
Bernardo Nante - Guida alla lettura del «Libro rosso» di C. G. Jung

Bernardo Nante - Guida alla lettura del «Libro rosso» di C. G. Jung
Italian | 2012 | 368 pages | ISBN: 8833922774 | PDF | 7,2 MB
John Douglas, Mark Olshaker - Mindhunter. La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano

John Douglas, Mark Olshaker - Mindhunter. La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano
Italian | 1996 | 336 pages | ISBN: 8817844829 | EPUB | 1 MB

Zak Ebrahim, Jeff Giles - Il figlio del terrorista. Storia di una scelta  eBooks & eLearning

Posted by Karabas91 at April 19, 2017
Zak Ebrahim, Jeff Giles - Il figlio del terrorista. Storia di una scelta

Zak Ebrahim, Jeff Giles - Il figlio del terrorista. Storia di una scelta
Italian | 2015 | 86 pages | ASIN: B00S9NG0DQ | EPUB | 1,8 MB

Alain Badiou - Lo splendore del nero. Filosofia di un non-colore  eBooks & eLearning

Posted by Karabas91 at April 13, 2017
Alain Badiou - Lo splendore del nero. Filosofia di un non-colore

Alain Badiou - Lo splendore del nero. Filosofia di un non-colore
Italian | 2017 | 86 pages | ISBN 8868336529 | EPUB | 0,2 MB

Chi non ha mai fatto l'esperienza spaventosa di avanzare a tastoni nella notte nera? Alain Badiou superò la paura inventando, con i suoi compagni bambini, il gioco del "Suona mezzanotte". Da questo ricordo infantile, in questo breve libro, Badiou prende le mosse per un esame, in brevi capitoli, delle tante forme che il nero prende nel nostro immaginario e nella nostra cultura: il nero delle fascette sui volti nelle riviste pornografiche, il nero dell'inchiostro sulla carta, ma anche i misteri del cosmo e il dolore del lutto. Il teatro intimo di Badiou diventa così occasione per un'esplorazione filosofica, fatta di ricordi, di sottili ragionamenti, di improvvise illuminazioni, che coinvolgono la musica, la pittura, la politica, la sessualità, la metafisica.

Gli occhi del Salar: Storie di una Procura imperfetta - Roberta Gallego (Repost)  eBooks & eLearning

Posted by Maroutan at Jan. 30, 2017
Gli occhi del Salar: Storie di una Procura imperfetta - Roberta Gallego (Repost)

Gli occhi del Salar: Storie di una Procura imperfetta - Roberta Gallego
Italian | 2016 | 247 Pages | ASIN: B01A7LM6Y4 | EPUB | 317.44 KB

Un evento drammatico senza precedenti scuote la provincia piemontese, innescando un conto alla rovescia irreversibile. Un thriller perfetto si consuma nei corridoi e nelle stanze della Procura, imperfetta, di Ardese.
La Procura di Ardese è in pausa caffè quando squilla il telefono del sostituto procuratore Anna Vescovo. Un istante dopo il magistrato sbianca in viso, annuendo in silenzio, guarda i colleghi e incredula riferisce: «È scomparso l’autobus del trasporto scolastico con i bambini a bordo». Quella mattina lo scuolabus della scuola privata San Gottardo, con a bordo sette bambini, figli di alcune tra le famiglie più in vista della piccola provincia, non è mai arrivato a destinazione…
Nascita ed evoluzione del distretto orafo di Arezzo (1947-2001). Primo studio in prospettiva ecology based

Nascita ed evoluzione del distretto orafo di Arezzo (1947-2001). Primo studio in prospettiva ecology based by
Italian | 2003 | ISBN: 8884531276 | 149 Pages | PDF | 1 MB

Il distretto industriale toscano dell’oro si localizza quasi unicamente nella pro vincia di Arezzo. I dati di aprile 2003 indicano che gli addetti sono 10.500 con una forte prevalenza nell’area aretina e con discrete presenze anche nelle aree della provincia: Casentino 752, Val di Chiana 727, Valdarno 678, Val Tiberina 215.

Umberto Curi, "L'apparire del bello: Nascita di un'idea" (repost)  eBooks & eLearning

Posted by TimMa at Nov. 29, 2016
Umberto Curi, "L'apparire del bello: Nascita di un'idea" (repost)

Umberto Curi, "L'apparire del bello: Nascita di un'idea"
Bollati Boringhieri | 2013 | ISBN: 8833924033 | Italian | EPUB | 112 pages | 0.9 MB

"Bello" è un concetto di inquietante complessità, un giacimento di idee e intuizioni dilatatosi nel tempo fino ai confini estremi della riflessione. Bello, bellezza, sono tra le parole più ricorrenti per definire immagini, aure, fantasie e nutrire estri letterari, indugi filosofici. Si parla di bello in riferimento all'aspetto di una persona, alla suggestione di un paesaggio, alla forza comunicativa di un'opera d'arte. …

Elias Canetti - Il frutto del fuoco. Storia di una vita (1921-1931) [Repost]  eBooks & eLearning

Posted by rotten comics at Nov. 29, 2016
Elias Canetti - Il frutto del fuoco. Storia di una vita (1921-1931) [Repost]

Elias Canetti - Il frutto del fuoco. Storia di una vita (1921-1931)
2007 | ISBN: 8845910504 | Italiano | 375 Pagine | EPUB | 0.5 MB
Filarmonica ’900 del Teatro Regio di Torino, Marzio Conti - Nino Rota: Symphonies Nos. 1 & 2 (2009) [Re-Up]

Nino Rota - Symphonies Nos. 1 & 2 (2009)
Filarmonica ’900 del Teatro Regio di Torino, conducted by Marzio Conti

EAC | FLAC | Image (Cue&Log) ~ 292 Mb (incl 5%) | Mp3 (CBR320) ~ 154 Mb (incl 5%)
Genre: Classical | Label: Chandos Records | # CHAN 10546 | Time: 01:02:10 | Scans included

The concert works of film composer Nino Rota, best known for his scores for the Godfather trilogy and for a long series of films by Federico Fellini, have increasingly often been finding space in classical recording catalogs. Here's a nicely recorded rendering of Rota's two numbered symphonies, virtually unknown until perhaps the turn of the century, issued on a major British label, Chandos. Both are attractive pieces that could be profitably programmed by any symphony orchestra. They were composed in the 1930s, when Rota was as much American as Italian; he won a scholarship to the Curtis Institute in Philadelphia and studied there for several years. Both reflect the French neo-classic trends that flourished in the U.S. between the wars, and, although Rota sounds nothing like Copland, you do experience in these works an evocation of what annotator Michele Rene Mannucci aptly calls "landscape in sound." Each work is in the conventional four movements, with a slow movement placed second in the Symphony No. 1 in G major and third in the Symphony No. 2 in F major.